Ode on a Grecian urn di J. Keats

Tag

, , , , , , , , , , , , ,

Thou still unravish’d bride of quietness,
Thou foster-child of silence and slow time,
Sylvan historian, who canst thus express
A flowery tale more sweetly than our rhyme:
What leaf-fring’d legend haunts about thy shape
Of deities or mortals, or of both,
In Tempe or the dales of Arcady?
What men or gods are these? What maidens loth?
What mad pursuit? What struggle to escape?
What pipes and timbrels? What wild ecstasy?

Heard melodies are sweet, but those unheard
Are sweeter; therefore, ye soft pipes, play on;
Not to the sensual ear, but, more endear’d,
Pipe to the spirit ditties of no tone:
Fair youth, beneath the trees, thou canst not leave
Thy song, nor ever can those trees be bare;
Bold Lover, never, never canst thou kiss,
Though winning near the goal yet, do not grieve;
She cannot fade, though thou hast not thy bliss,
For ever wilt thou love, and she be fair!

Ah, happy, happy boughs! that cannot shed
Your leaves, nor ever bid the Spring adieu;
And, happy melodist, unwearied,
For ever piping songs for ever new;
More happy love! more happy, happy love!
For ever warm and still to be enjoy’d,
For ever panting, and for ever young;
All breathing human passion far above,
That leaves a heart high-sorrowful and cloy’d,
A burning forehead, and a parching tongue.

Who are these coming to the sacrifice?
To what green altar, O mysterious priest,
Lead’st thou that heifer lowing at the skies,
And all her silken flanks with garlands drest?
What little town by river or sea shore,
Or mountain-built with peaceful citadel,
Is emptied of this folk, this pious morn?
And, little town, thy streets for evermore
Will silent be; and not a soul to tell
Why thou art desolate, can e’er return.

O Attic shape! Fair attitude! with brede
Of marble men and maidens overwrought,
With forest branches and the trodden weed;
Thou, silent form, dost tease us out of thought
As doth eternity: Cold Pastoral!
When old age shall this generation waste,
Thou shalt remain, in midst of other woe
Than ours, a friend to man, to whom thou say’st,
“Beauty is truth, truth beauty,—that is all
Ye know on earth, and all ye need to know”.

John Keats, 1819. Continua a leggere

Annunci

This be the verse di P. Larkin

Tag

, , , , ,

They fuck you up, your mum and dad.
They may not mean to, but they do.
They fill you with the faults they had
And add some extra, just for you.

But they were fucked up in their turn
By fools in old-style hats and coats,
Who half the time were soppy-stern
And half at one another’s throats.

Man hands on misery to man.
It deepens like a coastal shelf.
Get out as early as you can,
And don’t have any kids yourself.

Philip Larkin, High Windows, 1971. Continua a leggere

To a Skylark di P. B. Shelley

Tag

, , , , ,

Hail to thee, blithe Spirit!
Bird thou never wert,
That from Heaven, or near it,
Pourest thy full heart
In profuse strains of unpremeditated art.

Higher still and higher
From the earth thou springest
Like a cloud of fire;
The blue deep thou wingest,
And singing still dost soar, and soaring ever singest.

In the golden lightning
Of the sunken sun,
O’er which clouds are bright’ning,
Thou dost float and run;
Like an unbodied joy whose race is just begun.

The pale purple even
Melts around thy flight;
Like a star of Heaven,
In the broad day-light
Thou art unseen, but yet I hear thy shrill delight,

Keen as are the arrows
Of that silver sphere,
Whose intense lamp narrows
In the white dawn clear
Until we hardly see, we feel that it is there.

All the earth and air
With thy voice is loud,
As, when night is bare,
From one lonely cloud
The moon rains out her beams, and Heaven is overflow’d.

What thou art we know not;
What is most like thee?
From rainbow clouds there flow not
Drops so bright to see
As from thy presence showers a rain of melody.

Like a Poet hidden
In the light of thought,
Singing hymns unbidden,
Till the world is wrought
To sympathy with hopes and fears it heeded not:

Like a high-born maiden
In a palace-tower,
Soothing her love-laden
Soul in secret hour
With music sweet as love, which overflows her bower:

Like a glow-worm golden
In a dell of dew,
Scattering unbeholden
Its a{:e}real hue
Among the flowers and grass, which screen it from the view:

Like a rose embower’d
In its own green leaves,
By warm winds deflower’d,
Till the scent it gives
Makes faint with too much sweet those heavy-winged thieves:

Sound of vernal showers
On the twinkling grass,
Rain-awaken’d flowers,
All that ever was
Joyous, and clear, and fresh, thy music doth surpass.

Teach us, Sprite or Bird,
What sweet thoughts are thine:
I have never heard
Praise of love or wine
That panted forth a flood of rapture so divine.

Chorus Hymeneal,
Or triumphal chant,
Match’d with thine would be all
But an empty vaunt,
A thing wherein we feel there is some hidden want.

What objects are the fountains
Of thy happy strain?
What fields, or waves, or mountains?
What shapes of sky or plain?
What love of thine own kind? what ignorance of pain?

With thy clear keen joyance
Languor cannot be:
Shadow of annoyance
Never came near thee:
Thou lovest: but ne’er knew love’s sad satiety.

Waking or asleep,
Thou of death must deem
Things more true and deep
Than we mortals dream,
Or how could thy notes flow in such a crystal stream?

We look before and after,
And pine for what is not:
Our sincerest laughter
With some pain is fraught;
Our sweetest songs are those that tell of saddest thought.

Yet if we could scorn
Hate, and pride, and fear;
If we were things born
Not to shed a tear,
I know not how thy joy we ever should come near.

Better than all measures
Of delightful sound,
Better than all treasures
That in books are found,
Thy skill to poet were, thou scorner of the ground!

Teach me half the gladness
That thy brain must know,
Such harmonious madness
From my lips would flow
The world should listen then, as I am listening now.

 

Percy Bysshe Shelley, Prometheus Unbound, London, C. and J. Ollier, 1820. Continua a leggere

A dream di E. A. Poe

Tag

, , , , , , , , , , , , , , , ,

In visions of the dark night
I have dreamed of joy departed—
But a waking dream of life and light
Hath left me broken-hearted.

Ah! what is not a dream by day
To him whose eyes are cast
On things around him with a ray
Turned back upon the past?

That holy dream—that holy dream,
While all the world were chiding,
Hath cheered me as a lovely beam
A lonely spirit guiding.

What though that light, thro’ storm and night,
So trembled from afar—
What could there be more purely bright
In Truth’s day-star?

Edgar Allan Poe, 1827. Continua a leggere

Guerra agli umani di Wu Ming 2

Tag

, , , , , ,

Documento 2
Dal taccuino di Cinghiale Bianco
Bozza di documento programmatico

Unica soluzione:
Guerra agli Umani!

Sulla Terra, tutte le forme di vita collaborano alla conservazione dell’ambiente.
Tutte tranne una: gli Umani. La loro principale attività è distruggere il Pianeta.
Tale comportamento ha una sola spiegazione: gli Umani non fanno parte di questo mondo. Nel DNA della specie c’è qualcosa di alieno. Siamo il frutto della violenza di alcuni extraterrestri sulle prime scimmie.
Per questo nel codice genetico degli Umani è impresso a grandi lettere un totale disinteresse per la Terra, quando non un vero e proprio istinto distruttivo. Questo istinto ha finito per prevalere sull’eredità animale della specie, con le conseguenze che abbiamo davanti agli occhi.
Sotto il dominio degli Umani, la Terra è condannata. Dunque, sono condannati gli stessi Umani.
Se fosse possibile riportarli sul Pianeta degli Antenati, si salverebbero capra e cavoli, ma la tecnologia necessaria potrebbe vedere la luce troppo tardi. Un’incognita eccessiva per una scommessa così importante.
Scartando l’Esodo galattico, rimane una sola strada per limitare la catastrofe: sterminare gli Umani – che sono comunque condannati – e salvare il Pianeta.
In realtà, qualche luminare della genetica con istinto scimmiesco molto sviluppato potrebbe tentare la modifica del Codice Genetico Umano, sostituendo la parte aliena con geni di origine animale. Ma chi ci garantisce che lo lascerebbero lavorare?
No. L’unica soluzione è la Guerra agli Umani.
Ucciderli uno alla volta sarebbe lungo.
Indurli al suicidio, anche.
La sterilizzazione di massa incontrerebbe le stesse difficoltà della modificazione genetica. Possiamo anche accettare una verifica di questi programmi pacifici, ma non appena ci saranno interferenze, procederemo con i nostri obiettivi.
Una bomba atomica distruggerebbe tutto, non solo gli Umani.
La soluzione finale sarà dunque un’epidemia, studiata per colpire solo gli Umani e nel più breve tempo possibile.
Ci stiamo lavorando. La chiameremo Diluvio.
Nel frattempo, occorre colpire gli individui più pericolosi. Quelli che più somigliano ai nostri progenitori alieni e che sono dunque più pericolosi dal punto di vista riproduttivo.
Scoprirete molto presto a chi stiamo pensando.

Wu Ming 2, Guerra agli umani, Torino, Einaudi, 2003, pp. 72-73.

Torna a I Poeti

Torna alla Home

Voglio ascoltare la solitudine

Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Voglio ascoltare la solitudine
sul locale del tredici agosto,
mentre tu dormi, arrabbiata,
insensibile ed indifferente.
C’è un mare di gente e di tristezza
intorno alle vacanze d’estate
e tu a credere t’ostini
nella rigenerazione.
Essa può avvenire solamente
assorbendo la linfa d’un’anima
appena morta, scarica, vuota,
senza futuro. Non è la cura
il sole, non il succo dei frutti
estivi, ma è già la fioritura
degli agrumi che profuma a morte.
Oggi ascolto la mia solitudine
senza cuffie, senza te che dormi.
È la mia una solitudine
dannata, che non ha fretta
ma pura voglia d’annientamento.
Basta il freddo generoso
d’un condizionator per lasciare
alle aspettanze degli anni
trascorsi la magra delusione
che nulla vale viver, ché nulla
più senza serenità.

 

Lorenzo Cusimano, Debolezze, Casteldaccia (Italy), 2014.

 

Vai a Debolezze – Indice

Vai a Indice generale

Torna alla Home

 

Fiammelle

Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Amato v’ho per le vostre fiammelle
viuzze cittadine prische di vita
ch’ogni sera s’illumina più forte.
Parmi, pure, che ‘l tempo
arrivato sia di spegner le luci,
oscurare i palazzi e ricoprire
le insegne d’usati lochi notturni,
ch’ospitano solamente il disagio
d’una generazione. Ricopriamo
i lampioni e lasciamo che sia ‘l cielo
a darci la garanzia della luce
con le sue mille stelle, con i soli,
con i suoi tanti pianeti. Scuriamo
le vie percorse, respiriamo il nero
d’una notte d’agosto per vedere
le stelle, quelle che cadono a pianto.
Sarà nel lieto pianto d’una buia
città e d’una tenera notte chiara
che ci ritorneranno i desideri,
ché saremo capaci
di nuovo di rivedere le stelle.

 

Lorenzo Cusimano, Debolezze, Casteldaccia (Italy), 2014.

 

Vai a Debolezze – Indice

Vai a Indice generale

Torna alla Home

 

Agosto di P. V. Tondelli

Tag

, , , , , , , , , ,

Agosto è bello starsene a casa con la città vuota nessun rompiballe in giro, magari arrivi che senti la tua solitudine farsi pesante ma è un gioco diverso ed esser soli fa molto più male in mezzo alla gente, allora sì che è doloroso e pungono le ossa e il respiro è davvero brutto, come vivere un trip scannato e troppo lungo. Ma agosto è bello starsene soli in città, prendere l’auto e girare fino a mattino spingendosi pieni di alcool verso la montagna che tutto è uno scenario disteso e silenzioso e passi col rombo dell’auto come al cinema, uscendo dal quadro un attimo dopo esservi entrato e non si rovina nulla. La via Emilia è la dorsale di questo mio agosto inquieto e torpido, selvatico e morbido. Stasera mi sono messo in macchina lasciando il Gigi a sonnecchiare, menomale che la faccenda di Bombay è morta lì. Ora non voglio muovermi, soltanto scorrazzare la notte in questa prateria. E la scommessa è venuta da sé. I bar tra Reggio e Parma, ventuno? No, trentatré.

 

Pier Vittorio Tondelli, Viaggio, in Altri libertini, Milano, Feltrinelli, 1980, pp. 85-86.

 

Torna a I Poeti

Torna alla Home

Questo fu il nostro primo vero bacio

Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Questo fu il nostro primo vero bacio.
Di fragola sapeva
e per la polvere posto non v’era.
Il cuore galoppava
impazzito, saltava
l’abisso e volava alto.
Il sole illuminava il tuo bel volto
imbarazzato, che l’astro di rosso
colorava: carminio d’emozione.
Avevi quella stessa camicetta
e sembravi più giovine che mai,
anche più di me. Vivo
è il nostro amore che nulla ricorda,
e che tutto prepara.
Solo attendere resta
e sarà anche bello aspettare, proprio
come il nostro primiero
bacio davanti il sole.

 

Lorenzo Cusimano, Debolezze, Casteldaccia (Italy), 2014.

 

Vai a Debolezze – Indice

Vai a Indice generale

Torna alla Home

 

Fu quello il nostro vero primo bacio

Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Fu quello il nostro vero primo bacio?
Di fragola sapeva e per la polvere
posto non era. Il cuore galoppava
impazzito, alto volava, l’abisso
saltava. E ‘l sole illuminava il volto
tuo, imbarazzato e bello,
che di rosso accarezzava: carminio
dell’emozione tua.
E avevi quella stessa camicetta
ed eri più di me giovane fiore.
Ancora più giovane il nostro amore
che nulla ricorda e tutto prepara.
Dobbiamo solo attender.
Sarà bello aspettare,
proprio sì come il nostro primo bacio.
E il tuo corpo vibrava,
mi stringevano le tue braccia tese
e trattenevano il fiato
per la tua bocca nel respiro mio.
Ed era un sogno o forse la coscienza,
e da me non riuscivi più a staccarti,
e forte ti reggevi
a me, mentre il profumo
i tuoi capelli spargevan nell’aria
estiva. Gli occhi di stesso colore
abbiamo: l’ho notato
soltanto con il nostro primo bacio.

 

Lorenzo Cusimano, Debolezze, Casteldaccia (Italy), 2014.

 

Vai a Debolezze – Indice

Vai a Indice generale

Torna alla Home