Tag

, , , , , , , , , , , , , , , ,

Sembrano quei giorni in cui si riempivan
quinterni nella speranza di scorger
tra le lettere ed i tratti solcati
segni inconfondibili e veritieri
d’un eterno ideale, che l’universo
sorreggesse e custodisse. Sembrano
que’ giorni splendenti come le spine,
sotto le quali il cielo scompariva,
poi che sì tanta era la confusione
e tal da annebbiar la vista, che sempre
più rovinosa s’attenuasse insieme
al cuore ed alle passioni. Sembrano
que’ giorni in cui la ricerca del mos
era l’esasperazione, sembrava
l’etica l’Amore e l’altra rinascita
dopo la prova d’essere mortali
ed altrettanto stupidi. Sembrano
quei giorni che trascorsero sì freddi
ed inesorabili fino ad oggi,
in cui riconosco te che sei dura,
forse per castigarmi di quei giorni.

 

Lorenzo Cusimano, Debolezze, Casteldaccia (Italy), 2014.

 

Vai a Debolezze – Indice

Vai a Indice generale

Torna alla Home