Tag

, , , , , , , , , , , ,

In quell’atro parcheggio
andammo di notte, loro decisero
di non pestarci a sangue:
dovevamo mantenere le debite
distanze, non godere
del loro braciere acceso, non chiedere,
non far gesti inconsulti,
non far gesti borghesi.
La serenità precaria.
Il punk è un residuo etilico e niente
più. Solchi e cicatrici
nei volti. Cocci di vetro e bottiglie
in quell’atro parcheggio.

 

Lorenzo Cusimano, Debolezze, Casteldaccia (Italy), 2014.

 

Vai a Debolezze – Indice

Vai a Indice generale

Torna alla Home