Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Cara Anna, dolce Anna,
ancora un’ultima sera
a te scrivere voglio,
nonostante le circostanze
in cui contan più le distanze
che ci rendono sconosciuti.
E scrivo col pianto che t’ho versato
perché t’ho amato, pure solo un giorno,
anche solo una notte
in cui non ho chiuso occhio.
Ora mi fermo. Solo il destino,
se mai di buon umore,
ci farà ritrovare.
E questa sera per te scrivo:

«Cara Anna, dolce Anna,
guida meravigliosa,
troppo lontani vedo
gli splendidi occhi
del tuo angelico viso,
come le stelle di Cassiopea
brillano e forse più.
E in questa notte del cuore
rimani unica luce, ancor per poco,
poi che per rinuncia si spegne».

 

Lorenzo Cusimano, Debolezze, Casteldaccia (Italy), 2014.

 

Vedi anche Libera reinterpretazione di un ritrovamento del 1999 – I

Vai a Debolezze – Indice

Vai a Indice generale

Torna alla Home

 

Annunci