Tag

, , , , , , , , , , , , , ,

Che fai tu, luna, in ciel? dimmi, che fai,
silenziosa luna?

Vuole tradizione che posta sia
pur se nulla mi viene
di valido da dir e sottoporti:
niente greggi, né fontane, come erbe;
sol parcheggi, auto in fila,
tra le quali mi muovo com’anguilla
intenta a risalire, favorendo
interesse per il grazioso cielo,
stasera freddo e terso.
Dimmi, luna (se non rispondi è uguale):
che fo’ qua a domandarti
sapendo da altri che muta già stesti?
Perché fermo ancor resto
col gelo che m’assale?

Adulto costretto, disoccupato,
distratto e desolato,
con gravissimo sfascio in su le spalle
per giorno e per nottata,
le mani in tasca ed il berretto in testa,
al vento, alla tempesta, e quando avvampa
l’ora, e quando poi gela,
fischia, gesticola e si muove in fretta,
sosta in convegni, e piazze,
alberghi, e strade strette lunghe e larghe,
lesto torna all’opra più e prima del dì,
senza posa o ristoro;
stanco stanco e alonato
torna là dove giace,
senza sapere dove ruota il sole,
in quello familiare, luogo usuale,
ove il letto ed il tetto
conforto più non vale.

Riesce l’uomo a fatica,
rischia il lavoro con licenziamento.
Rischia assai l’operaio
(che a destra volge il voto sfiduciato);
contro il giovin, sempre più il precariato
agisce incontrollato,
al fine del padrone
il soddisfacimento.
Evita il prezzo del pane a scendere,
stenta il valor del salario a salire,
della salute e della propria vita;
e chi poco ha digiunare non puote,
e lamentarsi meno,
poiché crescendo, disperazion viene,
ed inedia e rigetto.
E chi non ha, neppur la speme tiene,
ultima dea rivolta a far la tivvù,
il sale rubare od ingegnar deve,
che da nutrire siano prole o mogli,
e non solo degli altri padri i figli
ad ingrassare beati.
E a prendere gioco degli incappati
nei tristi meccanismi d’economie
infelici ed errate.
Dite voi perché l’acido mi sale,
nulla rimane, trappola brutale.

Oh, fila mia d’automobili, oh beata,
mentre la gente parcheggiata e pronta,
lesta scende al volo, per evitare
‘l fischio mio e la moneta,
che poco val nel corso d’una sera.
Quanta invidia vi porto!
Forse l’odio non reggo,
sociale resta carca l’apparenza,
ma il fatto rimane l’appartenenza
e economico il muro,
sebbene il ruolo illegale è più duro,
mai quanto mio e dei miei figli il futuro.
O greggia, che tutto il giorno rincorri,
la miseria mia, credo, proprio non sai!
Giorno su giorno, pravo senza il mezzo,
che minore è meno fonte di vezzo,
però più lo è di senso.
Ed il senso minimo
e basso più del salario sta, fermo.
Ed io pur seggo sotto l’arbro, all’ombra,
e pur nulla non bramo
aspetto te che torni con un soldo
e un grazie o una minaccia.
Scena ho dato al mio male
che altro non è che specchio
di struttura economico-sociale.

 

Lorenzo Cusimano, Nell’attesa… leggo altro, Casteldaccia (Italy), 2008.

 

Vai a Nell’attesa… leggo altro – Indice

Vai a Indice generale

Torna alla Home

 

IMG-20150707-WA0012