Tag

, , , , , , , , , , ,

Ho visto pianger gente,
ho visto lacrime di stelle,
ho visto pianti salati e amari,
mai quanto il pianto di Floriana.

Son state poche lacrime e niente più,
né un urlo, né un lamento,
un pallido rossore in volto,
tutto in dignitoso contenimento.

Ha dato a me rabbia e angoscia,
senza però voltarmi di tanto,
ma intrecciandomi la mente
con poche e semplici immagini.

Se era un pianto di orgoglio
o di amara superbia, non so,
ma della natura m’interessa poco,
perché diversa in ognuno è la verità.

La brevità e la calma in mente
mi rimbalza e di torno non
si toglie: sarà un ricordo amaro
il pianto di Floriana.

 

Lorenzo Cusimano, A quel cielo che non si vede più, Casteldaccia (Italy), 2002-2003.

 

Vai a A quel cielo che non si vede più – Indice

Vai a Indice generale

Torna alla Home