Tag

, , , , , , , ,

È tarda sera, è tutto quieto.
Tichitta l’orologio, tremo di caldo
e penso alla fantomatica Selli.
La vedrò per cinque giorni
o forse meno, e mi roderò
di non poter conoscere.
Di arte non m’intendo
e perciò dovrò ben sperare
o studiare o rinunciare.
Mancan cinque soli e quattro notti,
ci saran Ghigo e l’alieno
accanto a me nelle più assurde
e meschine cazzate, per conoscer
la dea scura dai denti bianchi.

 

by Lorenzo Cusimano, from A quel cielo che non si vede più, Casteldaccia (Italy), 2002-2003.

 

Vai a A quel cielo che non si vede più – Indice

Vai a Indice generale

Torna alla Home

Annunci