Tag

, , , , , ,

Che bella sera di maggio,
calda e incredibile: tutti fuori
a gioir del fresco del calar sereno,
a discuter, accoppiarsi, sudare
e lavarsi; ed io qui come uno stronzo,
solo e accaldato, vivo ma appannato.

Che calda sera di maggio,
bella e incredibile: io qui
e il mio cuore all’inferno.

 

Lorenzo Cusimano, A quel cielo che non si vede più, Casteldaccia (Italy), 2002-2003.

 

Vai a A quel cielo che non si vede più – Indice

Vai a Indice generale

Torna alla Home

Annunci