UFO Robot

Tag

, , , , , , , ,

L’era interstellare si ferma
e poc’oltre l’esterna cinta
del satellite le speranze
e i sogni ritornano a terra
sullo shuttle, che aprir doveva
l’infinito agli avventurieri.
Il miracolo dell’elettronica,
che aveva da far grande l’uomo
rispetto ai suoi vegliardi padri,
non è altro ch’un’astronomica
implosione finanziaria
e un servaggio cibernetico
che dà longevità e salute
a molti, ma fa picciol l’uomo,
sempre più minuscolo e miope
da non riuscire a veder le stelle.

Conforto figlio d’inganno
e la metrica meccanica
a nulla serve contro l’informatica
del non senso.

19 fruttidoro dell’anno CCXVIII

 

Lorenzo Cusimano, Finzioni, Casteldaccia (Italy), 2011.

 

Vai a Finzioni – Indice generale

Vai a Indice generale

Torna alla Home

 

1745ee33-99b6-4620-936d-29f9fb695e53

 

Il sole splende forte

Tag

, , , , , , , , , , , , ,

Il sole splende forte
con raggi sì roventi
su’ cortei incazzati di giusta parte,
nei giorni rossi dell’ultimo autunno,
riottoso al ceder posto ad un inverno
di gelate, ingiustizie e negazioni,
che delle differenze
si fan scudo e dell’ignoranza sorda
manganello d’offesa.

Lungo il cammino, coinvolta l’essenza,
che bandiere riporta
per lottar contro assenza
di un più nobile impegno
del governante ad ospitare lieto
la ragione e la scienza
e favorire netto
techné, storia e calcolo,
economia e intelletto.

Ma credo tutto questo,
e in molti l’han già detto,
che l’usare troppo il cervello bene
il principe golpe proprio non voglia,
tantoché picciolo amore a lui viene,
poi che ‒ d’un sì gran potere investito ‒
il malaffar furioso e l’interesse
solo coltiva attento
con arte, genio e volto,
perché ove non puote l’oscura piazza
l’inganno è fonte di miglior sostegno.

8 pratile dell’anno CCXVIII

 

Lorenzo Cusimano, Finzioni, Casteldaccia (Italy), 2011.

 

Vai a Finzioni – Indice generale

Vai a Indice generale

Torna alla Home

 

99-posse-curre-curre-guaglio-antologia-libro-scuola

Curre curre guagliò di 99 Posse

Tag

, , , , , , , , ,

22-9-1991
Un giorno come tanti ma non certo per qualcuno
qualcuno che da giorni mesi anni sta lottando
contro chi di questo stato na gabbia sta facendo
reprimendo attento ascolta dico reprimendo
chi da solo denuncia e combatte sti fetiente
e sa bene che significa emarginazione
esattamente quanto costa amare un centro sociale
Officina 99

Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò

Siente sti parole d’odio e pure d’ammore
si nu scatto di manette strette ai polsi dentro a un cellulare
guagliò
fa più rumore nel tuo cuore di un comizio elettorale
guagliò
si nu bisogno soddisfatto sei sicuro non ti puoi sbagliare
guagliò
vale cchiù ‘e na bella giacca c’ ‘o telefonino cellulare
guagliò
allora è chisto ‘o mumento e tu l’he ‘a superà
ca te piace o t’allamiente e ‘o mumento d’occupà

Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò

Si può vivere una vita intera come sbirri di frontiera
in un paese neutrale, anni persi ad aspettare
qualcosa qualcuno la sorte o perché no la morte
ma la tranquillità tanta cura per trovarla
sì la stabilità un onesto stare a galla
è di una fragilità guagliò
è di una fragilità guagliò
forse un tossico che muore proprio sotto al tuo balcone
forse un inaspettato aumento d’ ‘o pesone
forse nu licenziamento in tronco d’ ‘o padrone
forse na risata ‘nfaccia ‘e nu carabiniere
non so bene non so dire dove nasca quel calore
ma so che brucia, arde e freme
trasforma la tua vita no tu non lo puoi spiegare
una sorta di apparente illogicità
ti fa vivere una vita che per altri è assurdità
ma tu fai la cosa giusta te l’ha detto quel calore
ti brucia in petto è odio mosso da amore
da amore guagliò

Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò

Tanta mazzate pigliate
Tanta mazzate pigliate
Tanta mazzate ma tanta mazzate
Ma tanta mazzate pigliate
Tanta mazzate pigliate
Tanta mazzate pigliate
Tanta mazzate ma tanta mazzate
ma una bona l’ammo data
è nato è nato è nato
n’atu centro sociale occupato
n’atu centro sociale occupato
e mò c’ ‘o cazzo ce cacciate

è nato è nato è nato
n’atu centro sociale occupato
n’atu centro sociale occupato
e mò c’ ‘o cazzo ce cacciate

Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò

Pecché primma mettite ‘e bombe e po’ ‘o vulite a me
e me mettite ‘e mane ‘ncuollo si ve chied’ ‘o pecché
mammà ‘e guardie a casa s’avette ‘a veré
e nu spazio popolare nun è buono pecché
pecché è controculturale o ammacaro pecché
rompe ‘o cazz’ a troppa gente si ma allora pecché
tu me può rompere ‘o cazzo e no i’ pure a tte
me se ‘ntosta ‘a nervatura e ‘o saccio buono pecché
pecché me so’ rutt’ ‘o cazzo pure sulo ‘e te veré
figurammece a sentì’ che tiene ‘a ricere a me
strunzate ‘e quarant’anne ‘e potere pecché
pecché ‘a gente tene famme e se fa strunzià’ ‘a te
e tu me manne ‘o celerino ca me sgombera a me
ma nun basta ‘o manganiello mo’ t’ ‘o dico oi né
pecché nun me faje cchiù male aggio ‘mparato a caré’

Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò

 

99 Posse, Curre curre guagliò, 1993.

 

Vai a I Poeti

Torna alla Home

 

99-posse-curre-curre-guaglio-antologia-libro-scuola

Interpunzione

Tag

, , , , , , , , ,

Ho capito che ‘l mondo
non vuol punti di domanda,
ma soltanto punti e a capo
con cui si può d’un tratto
concludere un periodo
e cominciarne un altro;
e nemmeno virgole,
giacché il mondo ha il torcicollo
ed è doloroso girar la testa
per veder cosa scritto
resta prima del comma.
In punti esclamativi
son raddrizzati di domanda
ché è meglio il clamore
al rumore del vero sapere.
E poi tante parentesi
e alcun punto e virgola…

1° fiorile dell’anno CCXVIII

 

Lorenzo Cusimano, Finzioni, Casteldaccia (Italy), 2011.

 

Vai a Finzioni – Indice generale

Vai a Indice generale

Torna alla Home

 

puteggiatura

Cantico delle creature

Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , ,

Guardo il mare con occhio
di speranze e conforto,
ma il mare non ricambia mai lo sguardo.
Amo il cielo blu terso,
ma esso per me non nutre
eguali simpatie.
Sento il vento fischiare,
ma il vento non vuole ascoltar mio fiato.
I fiori profumano
ed io, sinceramente, non profumo
di fiori e natura.
Odio la bianca luna
e tuttavia la luna m’accarezza
con raggi benevoli.
La gente ben m’accoglie,
ma io preferisco i deserti campi.
Cerco i tuoi occhi danzanti,
ma chissà i tuoi occhi qual’altra creatura
danzar stanno mirando con trasporto.
Annuso l’aria ferma
ed essa per dispetto non sa di te.
Non so più che pensare
di queste creatur de dio,
ché noi tutti siamo come formaggio
e vermi. Non io sono il loro buon dio:
vero. Ma un po’ di considerazione
e rispetto: io pago tutte le tasse!

6 germinale dell’anno CCXVIII

 

Lorenzo Cusimano, Finzioni, Casteldaccia (Italy), 2011.

 

Vai a Finzioni – Indice generale

Vai a Indice generale

Torna alla Home

 

Meraviglie del creato!

Inno alla vita

Tag

, , , , , , , ,

La vita è un’opportunità, coglila.
La vita è bellezza, ammirala.
La vita è beatitudine, assaporala.
La vita è un sogno, fanne realtà.

La vita è una sfida, affrontala.
La vita è un dovere, compilo.
La vita è un gioco, giocalo.
La vita è preziosa, abbine cura.

La vita è ricchezza, valorizzala.
La vita è amore, vivilo.
La vita è un mistero, scoprilo.
La vita è promessa, adempila.

La vita è tristezza, superala.
La via è un inno, cantalo.
La vita è una lotta, accettala.
La vita è un’avventura, rischiala.

La vita è la vita, difendila.

 

Madre Teresa di Calcutta

 

Vai a I Poeti

Torna alla Home

La bandiera

Tag

, , , , , , , , , , , , , , ,

What vain weathercocks we are!
E. Brontë,
Wuthering Heights, 1847, 4.

Bandiera senza il vento
e la sua direzione,
più gonfia aleggia se sì più violento
è l’ardore e la passione e ‘l fremito.
La bandiera è di Plato,
sia rossa o di nazione.
Ma la bandiera ignora
che il vento nel passato
soffiò contro ad ora
ed Eolo, al solo sbuffare dedito
e non meno ignorante,
non sa del drappo ora reso leggero
prima fermo e pesante.
Il vento spira, soffia
e la bandiera tronfia
del vento neppur poscia
d’un tratto un fil rimane
e della bandiera, che s’affloscia
senza gogne, del suo sventolamento
nemmeno il lieto ricordo permane.

26 nevoso dell’anno CCXVIII

 

Lorenzo Cusimano, Finzioni, Casteldaccia (Italy), 2011.

 

Vai a Finzioni – Indice generale

Vai a Indice generale

Torna alla Home

 

549608

Alta è la notte di V. Monti

Tag

, , , , , , , , , , , , ,

Alta è la notte, ed in profonda calma
dorme il mondo sepolto, e in un con esso
par la procella del mio cor sopita.
Io balzo fuori delle piume, e guardo;
e traverso alle nubi, che del vento
squarcia e sospinge l’iracondo soffio,
veggo del ciel per gl’interrotti campi
qua e là deserte scintillar le stelle.
Oh vaghe stelle! e voi cadrete adunque,
e verrà tempo che da voi l’Eterno
ritiri il guardo, e tanti Soli estingua?
E tu pur anche coll’infranto carro
rovesciato cadrai, tardo Boote,
tu degli artici lumi il più gentile?
Deh, perché mai la fronte or mi discopri,
e la beata notte mi rimembri,
che al casto fianco dell’amica assiso
a’ suoi begli occhi t’insegnai col dito!
Al chiaror di tue rote ella ridenti
volgea le luci; ed io per gioia intanto
a’ suoi ginocchi mi tenea prostrato
più vago oggetto a contemplar rivolto,
che d’un tenero cor meglio i sospiri,
meglio i trasporti meritar sapea.
Oh rimembranze! oh dolci istanti! io dunque,
dunque io per sempre v’ho perduti, e vivo?
e questa è calma di pensier? son questi
gli addormentati affetti? Ahi, mi deluse
della notte il silenzio, e della muta
mesta Natura il tenebroso aspetto!
Già di nuovo a suonar l’aura comincia
de’ miei sospiri, ed in più larga vena
già mi ritorna su le ciglia il pianto.

 

Vincenzo Monti, Pensieri d’amore, 1783.

 

Vai a I Poeti

Torna alla Home

 

A Casteldaccia è ferma

Tag

, , , , ,

A Casteldaccia è ferma.
L’atman non spira e soffia.
Solo qualche sussulto
di nafta e naftalina
smuove l’aria scolpita.

9 nevoso dell’anno CCXVIII

 

Lorenzo Cusimano, Finzioni, Casteldaccia (Italy), 2011.

 

Vai a Finzioni – Indice generale

Vai a Indice generale

Torna alla Home

 

2012-08-26 19.12.42

Canto notturno di un parcheggiatore errante dell’Italia meridionale

Tag

, , , , , , , , , , , , , , ,

Che fai tu, luna, in ciel? dimmi, che fai,
silenziosa luna?

Vuole tradizione, che posta sia
seppur nulla mi viene
di valido da dire e sottoporti:
niente greggi, né fontane, come erbe;
sol parcheggi, auto in fila,
tra le quali mi muovo com’anguilla
intenta a risalire, sospirando
interesse per il grazioso cielo,
stasera freddo e terso.
Dimmi, luna (se non rispondi è uguale):
che fo’ qua a domandarti
sapendo da altri che muta già stesti?
Perché fermo ancor resto
col gelo che m’assale?

Adulto costretto, disoccupato,
distratto e desolato,
con gravissimo sfascio in su le spalle
per giorno e per nottata,
le mani in tasca ed il berretto in testa,
al vento, alla tempesta, e quando avvampa
l’ora, e quando poi gela,
fischia, gesticola e si muove in fretta,
sosta in convegni, e piazze,
alberghi, e strade strette lunghe e larghe,
lesto torna all’opra più e prima del dì,
senza posa o ristoro;
stanco stanco e alonato
torna là dove giace,
senza sapere dove ruota il sole,
in quello familiare, luogo usuale,
ove il letto ed il tetto
conforto più non vale.

Riesce l’uomo a fatica,
rischia il lavoro con licenziamento.
Rischia assai l’operaio
(che altrove volge il voto sfiduciato);
contro il giovin, sempre più il precariato
agisce incontrollato,
al fine del padrone
il soddisfacimento.
Evita il prezzo del pane a scendere,
stenta il valor del salario a salire,
della salute e della propria vita;
e chi poco ha digiunare non puote
e lamentarsi meno,
poi che crescendo disperazion viene,
ed inedia e rigetto.
E chi non ha, neppur la speme tiene,
ultima dea rivolta a far la tivvù,
il sale rubare od ingegnar deve,
ché da nutrire siano prole o mogli,
e non solo degli altri padri i figli
ad ingrassare beati,
a prendere gioco degli incappati
nei tristi meccanismi d’economie
infelici ed errate.

Dite voi perché l’acido mi sale,
nulla rimane, trappola brutale.
Oh, fila mia d’automobili, oh beata,
mentre la gente parcheggiata e pronta
lesta scende al volo per evitare
‘l fischio mio e la moneta,
che poco val nel corso d’una sera.
Quanta invidia vi porto!
Forse l’odio non reggo,
sociale resta carca l’apparenza,
ma il fatto rimane l’appartenenza
e economico il muro,
sebbene il ruolo illegale è più duro,
mai quanto mio e dei miei figli il futuro.
O greggia, che tutto il giorno rincorro,
la miseria mia, credo, proprio non sai!
Giorno su giorno, pravo senza il mezzo,
che minore è meno fonte di vezzo,
però più lo è di senso.
Ed il senso minimo
e basso più del salario sta, fermo.

Ed io pur seggo sotto l’arbro, all’ombra,
e pur nulla non bramo,
aspetto te che torni con un soldo
e un grazie e una minaccia.
Scena ho dato al mio male
che altro non è che specchio
di struttura economico-sociale.

1° brumaio dell’anno CCXVII

 

Lorenzo Cusimano, Finzioni, Casteldaccia (Italy), 2011.

Leggi anche: Canto notturno di posteggiatore errante dell’Italia meridionale

 

Vai a Finzioni – Indice generale

Vai a Indice generale

Torna alla Home

 

Moon Dark side from Stars Johm 26 Feb 2007